Fooby
CUCINARE CON FOOBY
07.05.21 - 07:470

Un brindisi a tutte le mamme!

Ogni anno, la seconda domenica di maggio festeggiamo le nostre mamme – perché se lo meritano.

Ma la Festa della Mamma la dobbiamo a una madre ben precisa.

Domenica prossima, quando vedremo molta gente correre qua e là con mazzi di fiori, sarà la Festa della Mamma. Ma da dove viene questa ­ricorrenza? Le madri erano festeggiate già nell’antica Grecia. L’attuale giornata di festa è dovuta alla femminista americana Anna Marie Jarvis (1864-1948), che nel maggio 1907 organizzò una funzione religiosa per commemorare la madre defunta. Già un anno dopo fece ­ripetere il tutto in onore di tutte le mamme e nel 1914 la seconda domenica di maggio fu proclamata festa ufficiale negli Stati Uniti. Altri paesi seguirono l’esempio degli USA, ma il pensiero alla base della ­festa svanì rapidamente. I nazisti per esempio sfruttarono la giornata a fini propagandistici. In molti luoghi venne commercializzata e a fiutare l’affare furono soprattutto i fioristi. La signora Jarvis ne fu disgustata e cercò di abolire la ricorrenza – senza riuscirci. 

Ma anche se le casse lavorano a pieno regime per la Festa della ­Mamma: ringraziare la tua mamma è un bel gesto. Che non ha ­necessariamente bisogno di fiori.

Usanze nel mondo

Giappone
In Giappone, la Festa della Mamma nella forma odierna esiste solo dal dopoguerra a questa parte. Le mamme giapponesi amano ricevere garofani, una reminiscenza dei garofani bianchi che Anna Jarvis distribuiva alle mamme durante la funzione. Ma i garofani non dovrebbero mai essere bianchi, bensì rossi o rosa. Quelli bianchi sono riservati ai funerali. 

Serbia
Mondo alla rovescia in Serbia: i bambini si intrufolano nella camera della mamma e le legano i ­piedi. La «prigioniera» deve riscattare la propria libertà a suon di dolciumi. 

Etiopia
La data è determinata da madre natura: la Festa della Mamma si celebra infatti all’inizio della ­stagione delle piogge. Mentre le madri si spalmano del burro sul viso ballando, gli uomini intonano canti per omaggiarle.

 


Fooby


Gugelhopf alle fragole e al rabarbaro

Per 1 gugelhopf di 16 pezzi ci vogliono

  • 200 g burro, ammorbidito
  • 150 g zucchero di canna greggio a
  • grana grossa
  • ¼ di c.no sale
  • 1 c.no cardamomo in polvere
  • 4 uova
  • 150 g farina di spelta pura chiara
  • 150 g mandorle macinate e spellate
  • 1 c.no lievito in polvere
  • 200 g rabarbaro, a fette spesse ca. 1  cm
  • 250 g fragole, a dadini

  • 50 g rabarbaro, a pezzetti
  • 2 c. acqua
  • 100 g zucchero a velo


Per uno stampo per gugelhopf di ca. 2 litri, unto e infarinato


ECCO COME FARE

  1. Impasto: In una ciotola lavorare il burro con lo zucchero, il sale e il cardamomo. ­Aggiungere un uovo dopo l’altro e continuare a sbattere con la frusta dello sbattitore elettrico fino a ottenere un composto chiaro. Mescolare la farina con le mandorle e il lievito in polvere, quindi amalgamarla alla massa un po’ alla volta insieme al rabar­baro e alle fragole, infine versare nello ­stampo precedentemente preparato. 
  2. In forno: Cuocere per ca. 1 ora e 10  min. nella parte inferiore del forno preriscaldato a 180  °C. Sfornare, lasciar intiepidire, ­rivoltare su una griglia e fare raffreddare.
  3. Glassa: In un pentolino mescolare il ­rabarbaro e l’acqua, coprire e far sobbollire per ca. 5 minuti. Togliere il pentolino dal fuoco, coprire e lasciare riposare per ca. 15 minuti. Filtrare il liquido con un colino e versarlo in una ciotolina (se ne ottengono ca. 2  c.). Unire lo zucchero a velo e mescolare fino a ottenere una glassa densa. Distribuire la glassa sul gugelhopf e lasciare asciugare.

Questa e altre ricette su fooby.ch

Questo contributo è un paid post del nostro cliente. I paid post sono quindi pubblicità e non contenuto redazionale.

Con FOOBY, la piattaforma culinaria di Coop, vogliamo condividere con te il fantastico mondo della cucina, del mangiare e dei piaceri della tavola. Non importa se cucini per passione o se pensi di essere una schiappa tra i fornelli: qui trovi un’infinità di ricette (ben organizzate in categorie), know how sul cibo, istruzioni di cottura, video esplicativi e ispirazioni à gogo. In più, molte storie appassionanti che raccontano di persone che amano il cibo così come lo amiamo noi.
Prenditi il tempo per guardarti attorno e scopri l’appetitoso mondo di FOOBY.

Fooby
Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Cucinare con Fooby
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile