CUCINARE CON FOOBY
01.06.18 - 12:060

Niente di meglio della buona vecchia scatola

Se ci fosse una classifica dei migliori pranzi al sacco, i giapponesi con i loro bento vincerebbero senza problemi. I bento sono delle vere opere d’arte per l’occhio e per il palato

 

I bento stanno al Giappone come il Matterhorn alla Svizzera. Impiegati, muratori o studenti: tutti hanno il loro bento per pranzo. In queste scatolette così apprezzate si trovano diverse piccole prelibatezze ognuna nel proprio scompartimento. La varietà è incredibile: si passa dal sashimi, alle verdure tagliate artisticamente, al tofu marinato, al curry fino al pesce o alla carne grigliata. Come contorno c’è quasi sempre del riso.

La storia dei bento risale fino al 5° secolo. A quei tempi come scatola veniva utilizzata una canna di bambù svuotata o una semplice scatola di legno. Al giorno d’oggi i contenitori più utilizzati sono le scatole nere laccate, i cosiddetti Shokado-Bento che devono il loro nome al monaco shingon Shokado Shojo.

Da tempo ormai non tutti i bento sono pasti portati da casa. In Giappone, i negozi che vendono questi pranzi al sacco si trovano a ogni angolo della strada e soprattutto nelle stazioni dove passano i treni ad alta velocità. Ogni stazione offre la propria varietà tipica di bento e in Svizzera esistono lo «Zürich-HB-Bento» e il «Bento Genève Aéroport».

La presentazione e il contenuto di ogni bento riflettono inoltre lo spirito del tempo. Accanto ai cibi tradizionali, non è raro trovare hamburger, spaghetti o tonkatsu, la versione giapponese della cotoletta impanata.

In Svizzera la diffusione dei bento è strettamente legata al crescente successo del sushi. Più i sushi roll diventano popolari qui da noi, maggiore diventa l’interesse generale per la cucina e le tradizioni giapponesi. Nuovi locali apriranno e offriranno naturalmente anche i bento.

La parola «bento» ha in realtà due significati: indica la scatola vuota ma anche quella piena. E poiché i giapponesi sono dei perfezionisti esiste perfino un libro che descrive l’estetica dei bento. Il titolo della traduzione inglese del lavoro del designer Kenji Ekuan è «The Aesthetics of the Japanese Lunchbox».

Qui trovi la ricetta del sushi bento box

Questo contributo è un paid post del nostro cliente. I paid post sono quindi pubblicità e non contenuto redazionale.

Con FOOBY, la piattaforma culinaria di Coop, vogliamo condividere con te il fantastico mondo della cucina, del mangiare e dei piaceri della tavola. Non importa se cucini per passione o se pensi di essere una schiappa tra i fornelli: qui trovi un’infinità di ricette (ben organizzate in categorie), know how sul cibo, istruzioni di cottura, video esplicativi e ispirazioni à gogo. In più, molte storie appassionanti che raccontano di persone che amano il cibo così come lo amiamo noi.
Prenditi il tempo per guardarti attorno e scopri l’appetitoso mondo di FOOBY.

Immagine di apertura: Flickr/Shery Wetherell

TOP NEWS Cucinare con Fooby
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report