TICINO
28.03.12 - 08:390
Aggiornamento : 18.11.14 - 00:45

"Partendo dal Ticino è sempre tutto un po' più complicato"

Il label indipendente On The Camper è il migliore della Svizzera. Aris Bassetti ci spiega come ce l'ha fatta, e cosa farà in futuro

LUGANO - E' ticinese il miglior label indipendente svizzero. Lo ha stabilito la Fondazione Percento Culturale Migros per le etichette indipendenti, che venerdì a Zurigo ha premiato la "On The Camper Records".

Un risultato non proprio a sorpresa (nel 2010 l'etichetta con base ad Agno si piazzò al terzo posto), ma che ha lasciato "un po' stranito" Aris Bassetti, che insieme a Barbara Lehnhoff è alla base del label ticinese. "Ero cosciente di aver lavorato abbastanza bene negli ultimi due anni" ci spiega Bassetti "e quando ho sottoposto il dossier mi sono detto: "Qualcosa noteranno!". Da lì a ricevere un premio, è ancora lunga la cosa!"

Un premio al lavoro scrupoloso e quasi "artigianale" (nel senso migliore del termine) della On The Camper. "Io lavoro da casa, tra una padella e l'altra. Vengo da una zona dove la musica non è molto considerata, ed essere in gara con altre etichette molto interessanti, e battere management di artisti molto più grossi di noi... E' un po' strano, ma ti stimola parecchio a fare ancora di più".

L'etichetta guarda sempre avanti. "Già il premio del 2010 l'avevo investito per creare una base, e quest'anno in fondo chiedevo un aiuto per poter continuare il lavoro iniziato. Questo nuovo budget mi permette di avere qualche idea in più: acquisizione di nuovi progetti musicali, e espansione a livello di promozione".

On The Camper segue al momento quattro band: Kovlo, Peter Kernel, The Lonesome Southern Comfort Company e Francesca Lago. Una scelta consapevole di mezzi limitati, ma finalizzata sulla qualità: "Investo tantissimo tempo su ognuna di loro, e non riuscirei proprio a seguirne di più. Bisogna curare tutto: l'aspetto grafico, i video, i poster, i cd, il merchandise. Questi quattro gruppi rappresentano anche al meglio il mio pensiero in rapporto alla musica". Qualità musicale, quella espressa dalla On The Camper, di assoluto rilievo non solo rispetto alla scena locale: basti vedere, per esempio, l'album della milanese Francesca Lago, con la collaborazione di Zeno Gabaglio, che ha guadagnato ottime recensioni in Italia. "Un talento sopra la media" conferma Bassetti "che non ha ancora trovato il pubblico che merita".

Pubblico che deve essere conquistato, e questo non è poi così facile. "Partendo dal Ticino è sempre tutto un po' più complicato" conferma Bassetti. "Tutti i nostri gruppi ce la stanno facendo, ma per loro è forse più complicato che per una band di Zurigo". Ritornando al premio, Bassetti osserva come il riconoscimento di Percento Migros vada alla On The Camper, naturalmente, ma come sia anche un premio d'incoraggiamento al Ticino. "Grazie al premio, ha detto la giuria, in un certo senso riconosciamo anche che c'è un Ticino musicale. Anche se dare importanza musicale a questo Cantone è ancora difficile". La speranza è che qualcosa si muova, e che il premio sia uno stimolo a fare di più, e meglio.

Il trionfo non snaturerà la filosofia che regola l'avventura di On The Camper. Ovvero: ottima musica e ben confezionata, con una particolare attenzione al lato grafico (non a caso Bassetti è graphic designer). "Solo professionalizzeremo un attimo le cose: per ora ho sempre fatto tutto nel mio tempo libero. Il premio arriva in un momento in cui mi dicevo: o trovo un lavoro retribuito, oppure non posso andare avanti a investire tempo sull'etichetta senza avere entrate. Adesso potrò "auto-assumermi" ad una percentuale" conclude Bassetti "e vedere cosa succede".

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile