L'OSPITE
17.02.19 - 11:290
Aggiornamento : 27.02.19 - 14:39

Rispettare la volontà popolare: salario minimo veramente dignitoso!

Alessandro Lucchini, economista, Candidato al CdS per il Partito Comunista (PC)

I cittadini ticinesi hanno espresso chiaramente la loro volontà: un salario minimo dignitoso. È scandaloso però che è dal 2015 che si è in attesa di concretezza. Sembra che la maggioranza parlamentare sia intenzionata a posticipare la discussione a dopo le elezioni, e ciò indica almeno due cose: per loro questo non è un tema prioritario e non vogliono che questo influenzi l’esito delle elezioni. Per timore della reazione dei ticinesi una volta che mostreranno le carte: le tengono coperte!

Il popolo ha votato per un salario minimo “dignitoso” inserendo espressamente questo concetto nei “diritti sociali” della Costituzione cantonale. Questo vuol dire che percependo almeno il salario minimo cantonale un ticinese non dovrà più correre il rischio di scivolare sotto la soglia di povertà e di ricorrere alle prestazioni sociali. Sembra un diritto sacrosanto per chi lavora tutta la vita: ma purtroppo c’è chi, anche a sinistra, non si scandalizza di fronte a certe proposte!

Proprio per questo la forchetta governativa (18.75-19.25 all’ora) è da considerarsi un tradimento alla volontà popolare, oltre che vergognosa e problematica. Infatti, un salario minimo troppo ridotto non farà altro che incentivare la rincorsa verso il basso di tutti i salari. È importante dunque evitare a tutti i costi che sia sfruttata l’occasione per istituire un vero e proprio dumping di Stato.

Una buona partenza sarebbe invece un salario minimo di almeno 21.50 all’ora, il quale dovrà però essere ancorato al costo della vita. In particolare esso dovrà aumentare parallelamente agli aumenti dei premi di casse malati e del costo degli affitti.

Un salario minimo come questo andrebbe innanzitutto a favore di donne e giovani. Le donne guadagnano ancora il 20% in meno a parità di lavoro rispetto agli uomini e due posti di lavoro su tre retribuiti con un salario inferiore ai 4000 franchi lordi al mese per un lavoro a tempo pieno sono occupati da donne. I giovani, invece, hanno tutto il diritto di accedere al mondo del lavoro con un salario dignitoso. Il Ticino sta subendo una vera e propria “fuga di cervelli” verso Oltralpe. Per frenarla bisogna garantire condizioni di lavoro e salariali competitive con il resto della Svizzera aumentando i salari! Al più presto bisognerà chinarsi anche su un salario minimo per gli apprendisti che il Partito Comunista (PC) propone almeno di Fr. 1'000.- a partire dal primo anno di tirocinio. I giovani sono sempre più usati come manodopera a basso costo: è quantomai importante invertire questa tendenza e valorizzare il loro lavoro!

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Elezioni cantonali 2019
LUGANO
1 anno
«Non abbiamo dato un franco per De Rosa»
Il Cardiocentro Ticino sgombra il campo dalle polemiche sul sostegno a candidati politici: «Nessun finanziamento per le elezioni»
CANTONE
1 anno
De Rosa ha firmato l’iniziativa del Cardiocentro? «Non mi ricordo»
Da parte del neo consigliere di Stato né conferme né smentite: «C’è un prima e un dopo. Oggi sono un ministro super partes»
GRAVESANO
1 anno
«Io non mi farò mai chiudere la bocca da nessuno»
Ancora una delusione per Werner Nussbaumer, discusso medico controcorrente, che con la sua Lega Verde non riesce ad accedere al Parlamento. Ma il 71enne non ha intenzione di mollare. Anzi
CANTONE
1 anno
Valle di Blenio, vivaio di politici in erba
Sono nove i deputati con meno di 30 anni che siederanno in Gran Consiglio (nel 2007 erano solo due). Tre di loro provengono dalla Valle del Sole
BELLINZONA
1 anno
La quota rosa in Parlamento aumenta da 23 a 31
Spicca la new entry di "Più donne" che ottiene due seggi, ma un forte contributo arriva anche da Ps e Plr
CANTONE
1 anno
«Dobbiamo tornare alla Lega nuda e cruda»
Il calo del movimento di via Monte Boglia commentato dal capogruppo Daniele Caverzasio
FOTO
CANTONE
1 anno
«Mi spiace per Beltra, non riesco a gustare appieno la vittoria»
Il nuovo consigliere di Stato PPD Raffaele De Rosa si racconta a 360 gradi. Dalla famiglia al pallone, passando per le adozioni gay e per le sue origini campane
CANTONE
1 anno
Il Gran Consiglio ticinese ha i suoi 90 parlamentari
Quattro seggi in meno per la Lega, il PLR ne perde uno. Entrata in Parlamento per Più Donne, che ottengono due seggi. Esce Montagna Viva
VIDEO
CANTONE
1 anno
Leggerissimo aumento per il PPD: «Non capita dagli anni Settanta»
Il politologo sul risultato del partito alle elezioni per il Consiglio di Stato. Oggi è la volta del Gran Consiglio
CANTONE
1 anno
Beltraddio: «Ho perso, me ne vado»
Paolo Beltraminelli incassa la sconfitta e, dopo 28 anni di carriera politica, è pronto al ritiro
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile