"Una Emilie Kempin-Spyri, tutte Emilie" stasera e domani al Teatro Foce.
LUGANO
16.04.19 - 06:000

"Una Emilie Kempin-Spyri, tutte Emilie" al Teatro Foce

Stasera e domani si parla di femminismo, di diritti civici e politici, del mondo degli uomini, della fine del 1800 in Svizzera

LUGANO - Martedì 16 e mercoledì 17 aprile alle 20.30 il Teatro Foce di Lugano ospita lo spettacolo-studio "Una Emilie Kempin-Spyri, tutte Emilie".

Si parla di femminismo, di diritti civici e politici, del mondo degli uomini, della fine del 1800 in Svizzera e della sottile linea percettiva che se sorpassata associava emancipazione a diversità e malattia. Uno spettacolo-studio per dare voce a quello che gli studi sul genere riportano con ricerche, teorie e statistiche. Partiremo da un caso singolare per vivere con la protagonista quello che molte donne sono state e sono chiamate a vivere. È la storia di Emilie Kempin-Spyri. Dalla Svizzera agli Stati Uniti e poi di nuovo in Svizzera. Un viaggio nel viaggio da vivere in 1h30 di sensazioni che portano lo spettatore dal XIX al XXI secolo in un costante e illimitato andare per tornare.

Spiega la regista Sara Flaadt Camponovo: «C’è la sua storia. E ci sono le nostre. Suoni e immagini ce le fanno vivere e ri-vivere. Lei è Emilie Kempin-Spyri. È stata la prima donna a studiare diritto. È stata la prima giurista. Partendo da un universo fatto di Heidi e precetti protestanti incorniciati in un paesaggio borghese, è riuscita a portare la Svizzera là dove sembrava impossibile. È Emilie Kempin-Spyri che si racconta. Loro son le Emilie che si raccontano. La Emilie intellettuale e che ambisce a un futuro migliore, e quella disillusa, ormai stremata
vicina alla follia. Tracce d'archivio, processi ai quali dà risposta, loro registrati, lei vera. Immagini con le quali dialogano, movimenti di volti e spazi dove evocandole, si ritrovano frasi, persone e situazioni che hanno accolto la e le protagoniste. Ciò che le ha aiutate e ostacolate. Entrambe le sue personalità. E poi la fine. Singolare e per questo universale, di chi ha dato tanto, e perdendo tutto ha permesso di trovare il tutto e il niente di sempre».

Lo spettacolo è proposto da SuPerGiù, compagnia nata per diffondere cultura attraverso svariate forme artistiche e per dar voce a personaggi a volte ignorati dalla storiografia "ufficiale". L'intento è di valorizzare quella che è per noi una ricchezza culturale, comunicando attraverso codici volti a coinvolgere emotivamente un ampio pubblico che possa comprendere il lavoro indipendentemente dall'età, dalle proprie possibilità cognitive e dalla lingua d'origine.

Con Lucia Donadio, Jasmin Mattei, Camilla Parini, Margherita Saltamacchia, Laura Zeolla, Margherita Coldesina, Roberta Fossile. Sound designer: Lara Persia. Visual designer: Anna Spacio. Con il sostegno di: Università di Ginevra, Faculté des sciences de la société, Ernst Göhner Stiftung, FAFTplus, CH2021. Spettacolo-studio in italiano, francese e tedesco. Per un pubblico adulto.

Prevendita su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Agenda
LUGANO
2 ore

Ritorna con la sua sesta edizione il Film festival diritti umani

Si terrà dal 9 al 13 ottobre prossimo e ha già svelato due (grandi) pellicole, ci sarà anche una mostra fotografica e due concerti

ASCONA
8 ore

Da Celentano a Jimi Hendrix. Benvenuti all’Ascona Yesterday Festival

Fino a sabato concerti, filmati, mostre di un periodo musicalmente indimenticabile. Spettacolo con i Dik Dik, e omaggi ai Beatles e al beat da Caterina Caselli a Rita Pavone

TESSERETE
11 ore

Torna il mercato di Sapori in Festa

L'appuntamento è per sabato 21 settembre ai Giardini di Tesserete. Non mancherà l'animazione musicale con canti popolari

LUGANO
1 gior

Torna l'appuntamento con "Il Mondo al Parco"

Oltre alla presenza di stand informativi, di artigianato e di gastronomia, è previsto un programma ricco di attività e spettacoli che accompagnerà tutta la giornata

MELANO
1 gior

La mostra "One. Two. Andy" agli spazi espositivi di Artrust

Due giovani artisti si confronteranno con uno scatto di Karen Bystedt che ritrae il mito della Pop Art Andy Warhol

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile