Guidetto da Arogno, Lucca, facciata della cattedrale
LUGANO
21.10.19 - 16:100

La prima monografia delle famiglie di artisti di Arogno

Furono attivi in Italia e in Austria. La loro storia ricostruita in un prezioso volume di Arte e Cultura.

LUGANO - Gli artisti di Arogno attivi in Italia e in Austria tra la fine del XII e il XIII secolo. Sono loro i protagonisti del numero doppio di Arte e Cultura, pubblicato da Fontana Edizioni. Un’opera scritta dal prof. Valerio Ascani, Docente di Storia dell’arte medievale al Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa, frutto di decenni di lavoro di ricerca intorno a questo affascinante argomento.

La scarsa notorietà del paese d’origine di queste famiglie, ha fatto sì che i suoi artisti fossero definiti molto spesso “da Como”, dalla sede diocesana di riferimento, ma alcuni documenti ed epigrafi hanno rivelato la loro origine nel territorio di Arogno, permettendo la ricostruzione delle loro biografie.

Con questo volume si apre così un inedito e sorprendente panorama sull’attività e le creazioni di questi gruppi di artisti, tra cui spiccano Adamo da Arogno, Guidetto da Como (da oggi in avanti “da Arogno”), e ancora Guido, Guidobono e Giannibono Bigarelli, che in particolare nel Duecento furono capaci di innalzare monumenti di rilievo nel quadro della Storia generale dell’arte, quali la facciata della cattedrale di Lucca, la basilica di San Vigilio a Trento, il duomo di Prato, o sculture come i fonti battesimali di Pistoia, Pisa e della stessa Firenze – il “bel San Giovanni” caro a Dante Alighieri – e opere quali le lunette dei portali delle principali chiese medievali di Salisburgo o alcuni dei più celebri pulpiti del Medioevo in Toscana.

Si tratta di artisti dalle lodevoli capacità tecniche, che riportarono in auge la statuaria in queste regioni dando nuova vita e significato ad antichi modelli, e che dimostrano di avere attentamente studiato rilievi romani e di aver collaborato con i principali artisti del loro tempo nelle aree dove operavano. A loro si deve, ancor prima dell’avvento di Nicola Pisano e dei grandi artisti del gotico italiano, la stessa riscoperta del valore del ruolo dell’artista.

Alcune delle più importanti iscrizioni in lode di scultori si riferiscono a loro opere e a loro vanno riferiti taluni tra i più antichi esempi di autorappresentazione dell’artista nella scultura europea, a dimostrazione di una matura autocoscienza, per la prima volta così chiaramente raggiunta nell’arte italiana.

Le loro opere, illustrate da fotografie a colori di grande fedeltà appositamente realizzate (più di 400), in coincidenza con il termine dei restauri di alcune tra le opere più importanti di questi artisti, vanno a costituire una grande galleria di immagini di capolavori, talora conosciuti ma molto spesso ancora da scoprire, che rendono ragione della fama che all’epoca questi artefici avevano raggiunto, e ricostruiscono un quadro storico rimasto finora in ombra, rendendo giustizia ai maestri di Arogno e alla loro patria e restituendoli al ruolo di protagonisti dell’arte medievale italiana che a loro compete.

L’accuratezza dell’edizione e della stampa del testo, curate dallo storico dell’arte Giorgio Mollisi, con prefazione del prof. Andrea Spiriti, docente di Storia dell’Arte Moderna, all’Università degli Studi dell’Insubria,  garantiscono all’opera la chiarezza e la piacevolezza della visione e integrano il testo mirando ad accompagnare il lettore in visita ai numerosi e affascinanti monumenti citati, in un itinerario dal Ticino alla Toscana e di nuovo alle Alpi, che non mancherà di catturare il lettore guidandolo sulle impronte dei grandi maestri medievali di Arogno.  

 

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Agenda
CANTONE
1 ora
Da questa sera il palco di Poestate diventa virtuale
Alle 18 prende il via la prima edizione al 100% virtuale del festival letterario: ecco dove guardarla e il programma
CANTONE
5 gior
Una raccolta di corti svizzeri a tema isolamento e coronavirus
È il progetto svizzero "Lockdown Collection" al quale hanno partecipato anche diversi registi ticinesi
CANTONE
6 gior
Dalla storia del cinema fino alle piattaforme streaming con Heritage Online
Una piattaforma per i professionisti del settore con una nobile missione quella presentata oggi da Locarno Pro
BELLINZONA
6 gior
Il Teatro Sociale riparte il 6 giugno con "Il fondo del sacco"
Nel giorno della riapertura dei teatri in tutta la Svizzera ci sarà una rappresentazione straordinaria gratuita
CANTONE
1 sett
I Vip ticinesi leggono ad alta voce
Dalle 10 via con i video in italiano sul sito web ufficiale
CANTONE
1 sett
Il Pardo partecipa al festival We Are One con i suoi assi dell'edizione 2019
L'evento globale, che si terrà esclusivamente via YouTube trasmetterà alcuni degli incontri top dell'anno scorso
LUGANO
1 sett
Anche il concerto di Paolo Conte slitta al 2021
Doveva tenersi questo 25 giugno in Piazza Riforma, la data definitiva è ancora da stabilirsi
CANTONE
2 sett
12 voci note per la Giornata della lettura ad alta voce
Il 27 maggio non perdetevi i video di Christa Rigozzi, Rosy Nervi, Elias Bertini e altri ancora
CANTONE
2 sett
Da Pupo ai PanPers: se ne riparla nel 2021
Un anno di attesa in più anche per sentire i Jethro Tull al Palazzo dei Congressi di Lugano
CANTONE
2 sett
Jethro Tull a Lugano, l'appuntamento slitta al 2021
Il rinvio del concerto è legato alle misure per l'emergenza coronavirus
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile