Fotolia
LUGANO
03.05.16 - 06:000
Aggiornamento : 07:58

Infiniti appuntamenti per la Festa danzante

L'11esima edizione aprirà ufficialmente mercoledì 11 maggio, ma le anteprime sono già iniziate

LUGANO - Nell’11esima edizione, la Festa danzante metterà al centro del suo programma i “legami” tra generi di danza e tra le arti, tra le persone e le generazioni, tra i luoghi e i Paesi. Saranno 28 le città e comuni coinvolti di 15 cantoni differenti, oltre a una città della vicina Francia, che tra l’11 e il 16 maggio, con alcune importanti anteprime il 4, 7 e 8 maggio, invaderanno piazze, teatri, cinema, gallerie, strade, parchi ed altri svariati luoghi di tutta la Svizzera. Fatevi incuriosire e catturare da ritmi coinvolgenti, proiezioni, musiche, spettacoli, performance e molto altro: unisciti alla danza, crea legami.

Anche quest’anno all’interno della Festa danzante verrà riproposta la collaborazione con i premi  svizzeri di danza e un concorso rivolto ad artisti svizzeri o residenti in Svizzera. Sono 16 i progetti che per un intero fine settimana saranno in tournée per il nostro Paese, di cui due raggiungeranno la Svizzera italiana. Irina Lorenz porterà a Lugano una performance che creerà dei legami diretti con il pubblico, attraverso una relazione interattiva con i passanti. Con Get Up, Stand Up, Don’t Give Up To Dance, Irina Lorenz & Co vogliono porre l’attenzione sull’antico motto che dopo una caduta ci si risolleva sempre. Le danzatrici cadranno al suolo in attesa che una mano amica le aiuti a rialzarsi, ballando poi per lei/lui in segno di riconoscenza. Schaffter ed Emma Murray porteranno invece in città ZYGR, questo è il nome di una danza che porta alla trance di origine egiziana. I danzatori occuperanno gli spazi pubblici muovendosi al ritmo ipnotico e mutevole della ZYGR, lasciandosi ispirare dalle situazioni e dalle persone che incontreranno. Al pubblico non resterà che seguire la corrente, e iniziare a ondeggiare i fianchi.

Che siano spettacoli per la scena o performance rivolte a professionisti o ad amateurs, navigati spettatori o curiosi occasionali di una sera, sono innumerevoli le pratiche di danza che riuniscono ogni giorno comunità informali o stabili che, travalicando barriere fisiche, generazionali, geografiche, propongono e praticano forme di vivere danzando. Forti legami si sono stretti anche tra la Festa danzante e realtà locali da cui sono scaturite proficue collaborazioni e progetti originali, come la mostra itinerante Coreografi al lavoro che raccoglie gli scatti di Steeve Iuncker che verrà presentata in più luoghi di Lugano, o i momenti festosi come la Fiesta! Que Viva Afro proposta in collaborazione con l’Associazione Svizzera-Cuba e il party finale, creato in sinergia con l’Associazione Imbarco Immediato. Ma non mancheranno di stupire e affascinare il pubblico nomi importanti della scena coreica nazionale e internazionale, come pure giovani talenti. Tra questi la giovane e talentuosa Yasmine Hugonnet con Le Récital des Postures e l’italiana Simona Bertozzi con Animali senza fiaba, il giovane e già pluripremiato coreografo e danzatore Daniel Hellmann, senza dimenticare tra gli altri, Ioannis Mandafounis, che si è aggiudicato recentemente il Premio svizzero per la danza indetto dall’Ufficio federale della cultura, come miglior danzatore, che a Lugano proporrà Hug una performance emblematica per il tema di quest’anno, ovvero “legami”.

Il programma della Festa danzante offre la possibilità a chiunque di avvicinarsi, a sé e all’altro. Mostre fotografiche, proiezioni, performance, flash mob, porte aperte alle scuole di danza, danze dal mondo, spettacoli intergenerazionali, workshop, contest mix style, divertenti party e molto altro, ma soprattutto persone.

 

TOP NEWS Agenda
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile