TiPress
Ganz a Locarno nel 2015 con "Amnesia" di Barbet Schroeder
+7
CANTONE / SVIZZERA
17.02.19 - 10:490
Aggiornamento : 11:13

Il saluto del Locarno Film Festival a Bruno Ganz

«Ogni benedetta volta si innamorava della macchina da presa, di cui era ostaggio e amante. Locarno era la casa delle vacanze estive, quella degli amici e delle notti sotto le stelle»

LOCARNO - «Addii che lasciano senza parole». Inizia così il lungo saluto che il Locarno Festival ha dedicato a Bruno Ganz, deceduto venerdì a Zurigo all'età di 77 anni per un tumore. «È sceso dal palcoscenico il più grande attore del cinema svizzero. O più semplicemente, Bruno Ganz. Angelo e demonio, Damiel e Führer, protagonista del cielo e dei bunker di Berlino, di un giro di balera e di una corsa in auto, del nuovo cinema tedesco e di un ritrovato cinema italiano».

Sono moltissimi i ruoli interpretati da Bruno Ganz e il Festival vuole onorarli tutti: «Inteprete sconfinato e sconfinante, Bruno Ganz ha saputo indossare l'anima di chiunque, si chiamasse Adolf Hitler (Der Untergang, di Oliver Hirschbiegel - 2004) o Fernando Girasole (Pane e tulipani, di Silvio Soldini - 1999), mostrando in ogni copione scelto il coraggio di chi ama la propria passione. Una passione che Ganz ha indagato, sfogliato, interrogato, testandola in moto perpetuo e ottenendo in cambio il sorriso di chi la dirigeva. Come Rohmer (La Marquise d'O..., 1976), Herzog (Nosferatu Phantom de Nacht, 1979), Wenders (Der Himmel über Berlin, 1987 e Der Amerikanische Freund, 1977), Bertolucci (Oggetti smarriti, 1980 e La domenica specialmente, 1991), Angelopulos (Mia Eoniotita Kai Mia Mera, 1998) e I skoni tou chronou, 2008), Demme (The Manchurian Candidate, 2004), Coppola (You Without You, 2007), Ridley Scott (The Counselor, 2013) e von Trier (The House That Jack Built, 2017)».


TiPress
Bruno Ganz a Locarno nel 2011

Una perdita enorme per il cinema svizzero. «Bruno Ganz era svizzero, svizzero nella fimografia - da Bankomatt di Villi Hermann (1989) a Heidi di Alain Gsponer (2015) passando per Taxiphone di Mohammed Soudani (2010) e Vitus (Fredi Murer, 2006) - e svizzero nella capacità di domarla sul set in tedesco, italiano o francese che fosse».

Ganz condivideva il «set con Gregory Peck o Meryl Streep, ma in cui ogni benedetta volta si innamorava della macchina da presa, di cui era ostaggio e amante, concedendosi puntuali fughe a teatro, ammaliato dal richiamo di Brecht, per poi tornare, puntuale, e ricominciare ad innamorarsi».

Il Festival ricorda le «tantissime volte» di Bruno Ganz a Locarno. «Se Zurigo, Venezia e Berlino erano le sue case private, il Locarno Film Festival per Bruno Ganz era la casa delle vacanze estive, quella degli amici e delle notti sotto le stelle. Difficile e inutile contare le volte che Bruno è stato con noi, dalle prime piazze con i calzoni corti e l'ombrello che ci raccontò sulla sedia gialla del Prix du Public UBS (Giulias Verschwinden, di Christoph Schaub - 2006), al Pardo alla carriera del 2011. Dai ritorni rimati da una piacevolissima abitudine negli anni '70, '80 e '90 fino all'ultimo tappeto rosso - forse il colore che meno gli piaceva del cinema - nell'agosto del 2016 (Un Juif pour l'Exemple, di Jacob Berger). I ritorni - inevitabimente - finiscono qui, come le parole. Fortuna che rimangono le immagini, quelle no non si spegneranno mai».

E infine l'ultimo saluto: «Addio Bruno, arrivederci Damiel».


Keystone
Il Pardo alla carriera nel 2011

 

Keystone
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Agenda
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile