Keystone
STATI UNITI
17.07.17 - 07:210
Aggiornamento : 11:25

Addio al "padre" dei morti viventi

George A. Romero è morto ieri a causa di un tumore ai polmoni. Aveva 77 anni

NEW YORK - Il regista George Romero è morto a 77 anni di un tumore ai polmoni. Era autore della trilogia cult sugli zombi, lanciata con la pellicola del 1968 "La notte dei morti viventi" e diventato un classico del genere che ha dettato lo standard nel mondo del cinema horror.

Romero, si è spento a Los Angeles, lasciando in eredità un genere cinematografico che affonda le sue radici in una feroce critica sociale. Romero è morto dopo aver lottato contro un tumore ai polmoni. Lo ha reso noto la sua famiglia, stando ad un comunicato diffuso dal manager del regista, Chris Roe. I familiari hanno inoltre fatto sapere che Romero se n'è andato sulle note della sua colonna sonora del film di John Ford "Un uomo tranquillo" del 1952, uno dei suoi preferiti. Accanto la moglie Suzanne Desrocher e la figlia Tina Romero.

Romero era nato a New York, nel Bronx, da padre cubano e madre lituana. La passione per il cinema scoppiò che era giovanissimo, così subito dopo gli studi alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh nel 1960, cominciò a girare cortometraggi. L'ispirazione per uno dei più celebri film horror di tutti i tempi non ha tardato ad arrivare: grazie a soli 10'000 dollari raccolti insieme ad un gruppo di amici appassionati realizza "La notte dei morti viventi" (scritto da Romero insieme a John A. Russo) nel 1968, impostosi come cult già negli anni '70 ma soprattutto il film che ha coniato il genere zombie.

Nel 1978 arrivò "Zombi", il secondo della "Trilogia dei morti viventi", che completò nel 1985 con "Il giorno degli zombi". Di titoli ce ne furono molti altri, fin dagli anni '70 che, sebbene meno noti grande pubblico, costituiscono il patrimonio inimitabile che Romero lascia agli appassionati del genere. Ai molti che lo hanno scoperto seguendolo.

È noto anche il legame di Romero con Dario Argento, un vero e proprio sodalizio a partire dalla collaborazione per il montaggio di "Zombi". I due hanno inoltre lavorato fianco a fianco nel 1990 per "Due occhi diabolici", pellicola composta da due episodi diretti uno da ciascuno dei registi e che è un omaggio a Edgar Allan Poe.

TOP NEWS Agenda
ASCONA
11 ore
La primavera del San Materno apre con "Morphoses"
La compagnia losannese Cie Utilité Publique l'8 marzo porta sul palco asconese un Ovidio (parecchio) rivisitato
LUGANO
1 gior
Rapunzel diventa un musical tutto da cantare per grandi e piccini
L'appuntamento è per il 4 aprile prossimo al Palazzo dei Congressi di Lugano
LOCARNO
1 gior
"Fame mia - Quasi una biografia" al Teatro di Locarno
Venerdì 28 febbraio sarà in scena l'attrice e autrice dello spettacolo Annagaia Marchioro
CANTONE
2 gior
Un week-end a tutto Rabadan (ma non finisce qui)
Ecco alcune delle migliori proposte per passare qualche bel momento nella Svizzera italiana
LUGANO
2 gior
Museo in erba, a Carnevale ogni arte vale
Cinque giorni di vacanza, altrettanti atelier
CHIASSO
2 gior
Giles Corey arriva al Murrayfield Pub
Il cantautore di Chicago è il protagonista del concerto di questa sera
LUGANO
2 gior
Peppe Servillo & Solis String Quartet questa sera in concerto
L'occasione è il lancio del nuovo progetto podcast-first di Rete Due, "Klondike - L'oro del viaggio"
CUREGLIA
3 gior
In mostra lo sguardo su Parigi di Marcello Togni
Fino a domenica si potranno ammirare a Casa Rusca gli scatti dell'artista ticinese
LUGANO
3 gior
"Aspettando la pioggia" venerdì e sabato
La Compagnia Teatro Paravento porta in scena uno spettacolo liberamente tratto dal racconto “La lluvia” di Arturo Uslar Pietri
CANTONE
3 gior
Tantissimo carnevale questo weekend, dal Rabadan alla Stranociada
Si fa festa anche nei paesi più piccoli, da Sonvico a Gudo, da Tenero a Corippo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile