Frank Molter/dpa
Gli sviluppi della tecnologia permettono alle auto elettriche di guadagnare velocemente terreno. Ecco perché l’acquisto va attentamente ponderato.
Mobilità
24.08.21 - 10:000

Auto elettrica, ibrida o a benzina? Ecco cosa c’è da sapere – Parte 2

L’avanzata delle auto elettriche è inarrestabile.

A cosa occorre prestare attenzione per l’acquisto di un’auto dotata di presa di corrente? Risponderemo a questa e ad altre domande nella seconda parte di questa miniserie.

Il mercato delle auto è in subbuglio: i veicoli a benzina e diesel costituiscono ancora la maggior parte delle nuove auto vendute ma l’avanzata delle auto elettriche è ormai inarrestabile. Presto, le auto con motore a combustione diventeranno reliquie di un antico e ormai dimenticato passato in cui i motori erano alimentati da combustibili fossili.

A cosa occorre assolutamente prestare attenzione prima di acquistare un’auto con motore elettrico? Nella prima parte vi abbiamo spiegato in quali casi è più adatta un’auto elettrica e in quali invece è meglio optare per una ibrida. In questa seconda parte, chiariremo insieme a Valentin Pirovano di gowago.ch, impresa di leasing e abbonamento auto, come gestire l’acquisto di un’auto usata e di quali sviluppi tecnologici occorre tenere conto.

#6 – A cosa occorre prestare attenzione per l’acquisto di un’auto elettrica o ibrida?

Per prima cosa è necessario definire il proprio profilo di guida: di quanta autonomia avete bisogno? Di quanta capacità della batteria? Dove viene utilizzata la vettura? Quale tipo di motore è più adatto? È importante anche l’infrastruttura di ricarica: dove può essere ricaricata e con quale potenza? Anche per le ibride plug-in, per cui andrebbe bene anche una potenza di ricarica inferiore, la stazione di ricarica domestica dovrebbe fornire almeno 11KW. Il futuro, dopotutto, è elettrico. È inoltre consigliato informarsi sugli incentivi cantonali offerti per l’acquisto di un’auto elettrica.

#7 – Le auto elettriche non perdono moltissimo valore sul mercato dell’usato?

Tutte le auto nuove all’inizio perdono gran parte del valore: non importa che siano a combustione o a energia elettrica. Alcuni studi dimostrano tuttavia che le auto elettriche con un’autonomia a partire da 400 chilometri sono un investimento sicuro per il futuro e che il loro valore, nonostante lo sviluppo delle tecnologie, non diminuisce più della media. Le auto con motore a combustione perdono invece sempre più attrattiva: da un lato è la conseguenza dei divieti imposti nelle città e in futuro anche per le nuove immatricolazioni, dall’altro sono sempre di più le auto elettriche sul mercato. Entro il 2025 saranno disponibili circa 450 nuovi modelli elettrici.

#8 – A cosa occorre prestare attenzione per l’acquisto di un’auto elettrica usata?

L’elemento chiave è la batteria. Purtroppo, al momento solo i produttori possono misurare la durata di vita residua delle batterie. La scuola universitaria di Berna e il TCS studiano attualmente le possibilità di condurre test indipendenti.
A proposito di accumulatori: le batterie troppo vecchie per essere utilizzate nelle auto possono essere impiegate senza problemi per immagazzinare energia elettrica nell’ambito delle tecnologie domestiche. Tesla ha dichiarato che il 92 per cento delle batterie può essere riciclato.

#9 – Qual è la tecnologia più interessante legata alle auto elettriche?

Attualmente sono in sviluppo auto elettriche con batterie solid state anche se, probabilmente, i primi modelli delle classi superiori saranno purtroppo inaccessibili per la maggior parte dei portafogli. Inoltre, la densità energetica delle batterie agli ioni di litio aumenta costantemente e diminuiscono quindi i costi per KWh.

#10 – Quali sono le tendenze attuali?

La percentuale di auto con presa elettrica presso gowago.ch ammonta attualmente al 15 per cento e tende a salire. Tre quarti di questi veicoli sono auto puramente elettriche, il resto sono ibride. Le auto a benzina e a diesel restano comunque le più gettonate.

Leasing o abbonamento?
Molti non hanno abbastanza soldi sul conto per permettersi una nuova auto tutta per sé. Ma questo non è l’unico motivo per cui il leasing è così apprezzato nel nostro Paese. Anche l’abbonamento auto si afferma sempre più. Le auto in leasing o in abbonamento possono essere restituite al noleggiatore una volta terminato il contratto.

La perdita di valore viene pagata attraverso il leasing o l’abbonamento per cui il prezzo d’acquisto finale della vettura è generalmente più elevato rispetto al caso in cui la si acquista direttamente. Secondo Valentin Pirovano di gowago.ch, il leasing è adatto soprattutto a chi vuole guidare la stessa auto per tre anni o più.
L’abbonamento, più costoso, è invece perfetto per chi ha bisogno dell’auto per un tempo limitato o vuole passare in tutta semplicità al nuovo modello.

Il leasing o l’abbonamento possono anche fare da garanzia: paventati divieti di circolazione, nuove tecnologie e modifiche nella domanda portano incertezza in merito allo sviluppo del valore residuo.

ULTIME NOTIZIE #NOISIAMOILFUTURO
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile