Immobili
Veicoli
Climate Central
Se il riscaldamento globale raggiungesse i 3°C, il palazzo di Christiansborg a Copenaghen sarebbe allagato. Foto: Climate Central.
+5
MONDO SOMMERSO
03.12.21 - 07:000

Città sott’acqua: un sito web mostra le conseguenze dei cambiamenti climatici

Le decisioni che prendiamo oggi influenzeranno l’aumento del livello dei mari nei prossimi decenni.

Un sito web mostra come le città costiere potrebbero trovarsi sommerse dall’acqua.

È un dato di fatto: poiché le temperature globali aumentano, aumenta anche il livello dei mari. Quanto effettivamente aumenterà, dipende da quanto aumenteranno appunto le temperature. E quanto velocemente aumenterà, dipende soprattutto dalla velocità dello scioglimento dei ghiacciai.

Il ritmo a cui aumenta il livello dei mari è cresciuto notevolmente rispetto agli anni ‘90. L’aumento che subirà in futuro è tuttavia, almeno in parte, nelle nostre mani. Se riuscissimo a mettere un freno alle emissioni di CO2 e a limitare il riscaldamento globale a un massimo di 1,5°C, gli abitanti delle città costiere avrebbero ottime possibilità di mantenere i piedi all’asciutto. Se invece il riscaldamento globale dovesse eccedere i 3°C prima del 2030, cosa che succederebbe sicuramente se andassimo avanti come fatto finora, molte città finirebbero per somigliare a un set del film «Waterworld».

Animazioni come avvertimento
Sul sito web https://picturing.climatecentral.org/ viene mostrato come sarebbe il mondo in questo caso. Per oltre 180 città costiere in tutto il mondo, una prima foto mostra lo stato attuale mentre la seconda mostra come sarebbe se riuscissimo a contenere il riscaldamento a 1,5°C. È sempre disponibile, inoltre, un’animazione che mostra il livello che raggiungerebbe inevitabilmente l’acqua se il riscaldamento superasse i 3°C.

È impressionante e anche decisamente angosciante. Il Burj Khalifa di Dubai sarebbe una torre in mezzo al mare, il centro di San Pietroburgo diventerebbe una piscina e la cattedrale di San Paolo a Londra sarebbe raggiungibile solo in barca.

In aumento dal 1880
Il tempo è ormai agli sgoccioli. Dal 1880, il livello globale dei mari è aumentato di quasi 24 centimetri di cui un terzo nel corso degli ultimi venticinque anni. L’aumento è riconducibile a una combinazione tra lo scioglimento dei ghiacciai e l’espansione termica dell’acqua di mare causata dal riscaldamento globale. Nel 2020 il livello dei mari si attestava a 91,3 millimetri al di sopra della media del 1993 ed era quindi la media annuale più alta mai registrata dai satelliti.

Entro la fine del secolo, il livello dei mari crescerà verosimilmente di almeno un altro piede (circa 0,3 metri) rispetto al livello del 2000. E questo accadrà anche se le emissioni di gas serra nel prossimo decennio verranno limitate a un livello relativamente ridotto.

Otto delle dieci grandi città sulla costa
Chiaro, le differenze regionali sono notevoli. Negli Stati Uniti, ad esempio, quasi il 40 per cento degli abitanti vive lungo la costa e la densità della popolazione è relativamente elevata. L’aumento del livello dei mari ha però un ruolo centrale nelle inondazioni, nell’erosione della costa e nei pericoli causati dalle tempeste che interesseranno tutti noi. Inoltre, secondo l’«UN Atlas of the Oceans», otto delle dieci città più grandi del mondo si trovano vicino alla costa.

Lungo la costa, l’aumento del livello dei mari minaccia le infrastrutture necessarie per i posti di lavoro e l’industria regionale. Strade, ponti, metropolitane, approvvigionamento idrico, gasdotti e oleodotti, centrali elettriche, impianti di depurazione, discariche: tutti sono minacciati dall’aumento del livello dei mari. Inoltre, un livello elevato dei mari significa anche più piene e inondazioni. E quanto queste possano essere distruttive lo hanno scoperto a proprie spese anche regioni molto lontane dalla costa.

Climate Central
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
byron2007 1 mese fa su tio
Il vero complotto è quello sul clima: far credere alla gente che l'uomo possa influenzare le leggi dell'universo i nome di un business gigantesco
Dantissimo 1 mese fa su tio
@byron2007 Noi influenziamo le leggi dell'universo? Ahah e chi l'ha mai detto? Semmai noi sottostiamo alle leggi dell'universo, che è ben diverso! Chi sostiene che l'uomo non è la causa del surriscaldamento, allora va contro le leggi della fisica. Poi ognuno può pensare quello che vuole. Può anche sostenere che 1+1 fa 3, ma alla natura non frega niente di chi pensa cosa, o cosa pensa di pensare. Ma veramente un bel niente. Se ne frega anche del business gigantesco.
Coerenza 1 mese fa su tio
Questi sono soldi ben spesi, sí sí... perché qualcuno ste baggianate le finanzia. Pagliacci.
Thinks 1 mese fa su tio
Beh dai c'è ne vuole ancora per raggiungere i quasi 20 metri di circa 10mila anni fa, e sembra che sia salito ancora più in fretta!
byron2007 1 mese fa su tio
Ma mi faccia il piacere!
Yoebar 1 mese fa su tio
CO2 sempre lo stesso problema, in Svizzera si continua a pagare di più pensando che si consumi meno mentre negli altri paesi se ne sbattono altamente. Forse pensano che l’inquinamento degli altri paesi non passa i confini.
Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE #NOISIAMOILFUTURO
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile