Tipress
CANTONE
11.01.18 - 16:320

Assenze per cure e malattia: «15 minuti ora equivalgono ad un giorno intero?»

Raoul Ghisletta interpella il Governo in merito ai «malumori» dei dipendenti cantonali verso la nuova legge stipendi

LUGANO - Raoul Ghisletta ha inoltrato un’interpellanza al Consiglio di Stato sull’applicazione della nuova legge stipendi entrata in vigore lo scorso 1 gennaio, che secondo il deputato il socialista sta suscitando «malumore ed incredulità»  tra i dipendenti cantonali.

«Chi è assente parzialmente durante la fascia di presenza obbligatoria per “ogni evento” di malattia/infortunio/cura medica autorizzata secondo l’articolo 63 del Regolamento dei dipendenti si vede computato 1 giorno intero nel proprio budget di 730 giorni pagati in caso di malattia/infortunio non professionale, cui la/il dipendente cantonale ha diritto su un periodo di osservazione di 900 giorni», spiega Ghisletta.

In altre parole, i dipendenti «coscienziosi» che «programmano le visite mediche e cure all’inizio o alla fine del mattino/pomeriggio, vengono trattati alla stessa stregua di chi si assenta per tutta la giornata». Un trattamento «ingiusto», sottolinea il deputato socialista, che chiede al Governo di chiarire se «15 minuti di assenza giornaliera saranno calcolati d’ora in poi come un giorno» intero d’assenza, valutando inoltre le reazioni negative espresse verso il nuovo sistema.

Le domande al Consiglio di Stato:

1) Come valuta le reazioni negative che il nuovo sistema di computo dei giorni di assenza per malattia/infortuni non professionali sta suscitando tra le/i dipendenti cantonali? Ritiene possibile prevedere una valutazione degli effetti perversi che esso crea e una sua correzione?

2) Ritiene giusto computare tra gli “eventi” di malattia/infortunio non professionale le visite mediche?

3) Ritiene giusto computare tra gli “eventi* di malattia/infortunio non professionale le assenze legate a visite e problemi durante la gravidanza?

4) Nelle statistiche sulle assenze per malattia e infortunio dei dipendenti cantonali 15 minuti di assenza giornaliera saranno calcolati d’ora in poi come 1 giorno di assenza?

5) Infine nel calcolo dei 18 mesi di assenza continui o discontinui, dopo i quali l’autorità di nomina può dare la disdetta al dipendente per giustificati motivi in base all’art. 60 cpv. 3 lett. b) LORD, la/il dipendente che effettua 15 minuti di assenza giornaliera per motivi di malattia/infortunio è come se avesse effettuato 1 giorno di assenza oppure il calcolo continuerà ad essere fatto in modo preciso, sommando le assenze parziali in una giornata lavorativa? Tale calcolo inoltre verrà fatto sommando tutte le assenze per malattia/infortunio del dipendente, che ha effettuato durante la sua carriera oppure il Consiglio di Stato intende delimitare un ragionevole periodo di osservazione?

Commenti
 
miba 1 sett fa su tio
Purtroppo è (molto) triste dover constatare come certi personaggi facciano perdere tempo inutilmente al Consiglio di Stato perché prima di scrivere cavolate non si informano e quindi c'è un (serio) problema in quanto poi "ingarbugliano" le acque inutilmente. Prima di tutto dall'articolo constato che, come afferma Ghisletta, "la/il dipendente cantonale ha diritto su un periodo di osservazione di 900 giorni". A parte il fatto che i dipendenti hanno diritto a 730 giorni in un periodo di 900 giorni consecutivi (denominazione esatta) constato che nella fattispecie sono assicurati secondo un contratto d'assicurazione LAMAL e non LCA (730 giorni punto e basta) cosa che li privilegia in maniera non indifferente. Al Signor Ghisletta comunico inoltre che I COSTI EFFETTIVI sono per la SUVA i costi relativi all‘assenza x da 2,5 fino a 6 mentre per Lo studio indipendente “Costs of accident at work“ i costi relativi all‘assenza x 11. In sostanza e senza entrare nei dettagli il Signor Ghisletta dovrebbe sapere che i costi EFFETTIVI relativi ad un'assenza sono un po' più complessi di quanto egli pretende di sapere. Concludendo consiglio al Signor Ghisletta di informarsi prima di inoltrare al Consiglio di Stato "domande cucù" che con un minimo di informazione si potrebbero evitare (e quindi far perdere meno tempo a chi deve poi rispondere)
miba 1 sett fa su tio
Purtroppo è (molto) triste dover constatare come certi personaggi facciano perdere tempo inutilmente al Consiglio di Stato perché prima di scrivere cavolate non si informano e quindi c'è un (serio) problema in quanto poi "ingarbugliano" le acque inutilmente. Prima di tutto dall'articolo constato che, come afferma Ghisletta, "la/il dipendente cantonale ha diritto su un periodo di osservazione di 900 giorni". A parte il fatto che i dipendenti hanno diritto a 730 giorni in un periodo di 900 giorni consecutivi (denominazione esatta) constato che nella fattispecie sono assicurati secondo un contratto d'assicurazione LAMAL e non LCA (730 giorni punto e basta) cosa che li privilegia in maniera non indifferente. Al Signor Ghisletta comunico inoltre che I COSTI EFFETTIVI sono per la SUVA i costi relativi all‘assenza x da 2,5 fino a 6 mentre per Lo studio indipendente “Costs of accident at work“ i costi relativi all‘assenza x 11. In sostanza e senza entrare nei dettagli il Signor Ghisletta dovrebbe sapere che i costi EFFETTIVI relativi ad un'assenza sono un po' più complessi di quanto egli pretende di sapere. Concludendo consiglio al Signor Ghisletta di informarsi prima di inoltrare al Consiglio di Stato "domande cucù" che con un minimo di informazione si potrebbero evitare (e quindi far perdere meno tempo a chi deve poi rispondere)
tip75 1 sett fa su tio
ma non ci credo
albertolupo 1 sett fa su tio
Ma non hanno già un sistema che possono marcare l'uscita per motivi medici e il relativo rientro, contati con precisione al minuto?
Potrebbe interessarti anche
Tags
dipendenti
assenze
assenza
malattia infortunio
înfortunio
giorno
malattia
minuti
giorno intero
dipendenti cantonali
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report