Tipress
CANTONE
05.01.18 - 18:100

Permessi falsi, in quattro alla sbarra

Rinviati a giudizio davanti alle Assise Criminali i protagonisti dello scandalo. Rischiano dai 2 ai 5 anni di carcere

BELLINZONA - Sono stati rinviati a giudizio dal procuratore pubblico Antonio Perugini i quattro protagonisti dell’inchiesta relativa allo scandalo dei permessi falsi. Lo riferisce la RSI.

Gli imputati - il titolare della Aliu Big Team di Bellinzona e il fratello da un lato, un impiegato dell’Ufficio della migrazione ed una ex-dipendente, sua compagna, dall’altro - rischiano pene comprese tra i due e i cinque anni di carcere. Contro tutti e quattro è ipotizzato il reato di ripetuta incitazione aggravata all’entrata, alla partenza e al soggiorno illegali.

Singolarmente, il titolare della Aliu dovrà inoltre rispondere di tratta di esseri umani, ripetuta corruzione attiva e ripetuta falsità in certificati, mentre l’ex dipendente cantonale - nel frattempo licenziato - di ripetuta corruzione passiva, ripetuta falsità in certificati e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. Meno grave invece la posizione degli altri due imputati.

Potrebbe interessarti anche
Tags
quattro
permessi falsi
permessi
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report