LOCARNO
1 settimana0

Alla fine, i soldi sono saltati fuori

Dopo l'articolo di Tio.ch qualcosa si è mosso: alla vedova di Vitor Goncalves sono stati recapitati 3400 franchi. Ma che fine ha fatto il resto?

LOCARNO - Le decine di donatori che hanno voluto aiutare la famiglia di Vito Goncalvez, alla fine, possono sapere come sono stati spesi i loro soldi. Dopo mesi di attesa e sospetti, a seguito dell'articolo di Tio.ch/20minuti dei giorni scorsi la vedova dell'operaio locarnese, morto in un incidente a giugno scorso, ha ricevuto finalmente il denaro delle raccolte fondi intitolate all'ex compagno. Tremila quattrocento E otto franchi. Ne mancano altri (non si sa di preciso quanti) ma possono già fare la differenza. 

Il lieto (quasi) fine - Le buste con il denaro donato sono state recapitate martedì al domicilio della donna a Pino, frazione di Maccagno, in Italia. «Per noi è una cifra importantissima» spiega Ana Lourerio, 29 anni, che dal giorno della tragedia si prende cura da sola di due figli Claudio e Luis (di 3 e 10 anni). «Non abbiamo alcuna entrata, a parte l'aiuto di alcuni parenti a loro volta in difficoltà. Con questo denaro ora potrò pagare due mesi d'affitto arretrato e le bollette. Il resto lo tengo per l'avvocato, che ci sta aiutando con le pratiche burocratiche per ottenere dalla Suva quello che ci spetta».

Il mistero della raccolta -  Tutto è bene quel che finisce bene. O meno male. Ma che fine avevano fatto i soldi? La raccolta fondi, con tanto di lista dei donatori (52 nomi in tutto) e le rispettive cifre donate, era stata effettuata presso un bar di Locarno all'indomani dell'incidente. Un'iniziativa organizzata da amici e conoscenti: il denaro, spiega uno di questi, era stato poi «consegnato in data 13 luglio il denaro a un parente del defunto». E da allora non se ne era saputo più niente.

E gli altri soldi? - Per mesi la famiglia ha «letteralmente fatto la fame» spiega Ana. Dopo l'articolo di tio.ch/20minuti gli organizzatori della raccolta fondi sono caduti dal proverbiale "pero". «Siamo i primi ad esserci chiesti come era stata spesa la somma» affermano. La risposta è emersa subito: erano ancora lì, a casa del parente. Dopo essersi fatti riconsegnare la somma, gli organizzatori hanno provveduto personalmente alla consegna nelle mani di Ana. Capitolo chiuso. Oltre alla raccolta fondi a Locarno, però, ce ne erano state altre due. Di quei soldi per ora non si sa ancora nulla.

4 mesi fa | Fatale il volo da 50 metri per l'operaio precipitato in Valle Onsernone
TOP NEWS Ticino
Copyright &copy2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report