CANTONE
11.01.18 - 06:010

In viaggio verso Eurosong con Chiara Dubey

Abbiamo incontrato la giovane cantante di Ronco sopra Ascona che rappresenterà il Ticino alla finale nazionale di Eurovision Song Contest, in programma a Zurigo il 4 febbraio prossimo

RONCO SOPRA ASCONA - Violinista e cantautrice, la 24enne ticinese gareggerà con “Secrets and Lies”, un brano messo a punto la scorsa estate al Suisa Songwriting Camp da Jeroen Swinnen e Janie Price.

Un brano che, nutrito da ambientazioni chamber pop, potrebbe, a tutti gli effetti, portare Chiara e il Ticino a Lisbona, dove, dall’8 al 12 maggio si terranno le finali del celebre concorso canoro europeo. A inizio febbraio Chiara dovrà però giocare al meglio le sue carte, sfidando gli altri cinque concorrenti svizzeri selezionati: gli Zibbz di Gisikon (LU), Angie Ott di Neuchâtel, Naeman di Zurigo, Alejandro Reyes di Losanna (VD) e Vanessa Iraci, che ora vive in Germania dopo avere passato buona parte della sua infanzia in territorio elvetico...

Chiara, non è la prima volta che partecipi a Eurosong…

«È la terza. Era già accaduto nel 2011 e nel 2012, ma era finita lì. Tant’è vero che non avevo nemmeno più intenzione di ripresentarmi, ma la Srf, che quest’anno ha cambiato le modalità di partecipazione, mi ha chiesto se fossi interessata a prendere parte al Suisa Songwriting Camp della scorsa estate, il cui obiettivo era quello di scrivere canzoni destinate a Eurosong. Non ho esitato nemmeno un istante, anche perché sto portando a termine i miei studi musicali…».

So che ora frequenti il Conservatorio di Zurigo, dove vivi, tra l’altro, giusto?

«A Zurigo ho studiato violino, ma ora sono impegnata con gli studi in composizione a Lugano, al Conservatorio della Svizzera Italiana. Zurigo è comunque la città in cui vivo tuttora, torno in Ticino tre volte alla settimana».

So che normalmente sei tu a comporre le canzoni che interpreti. “Secrets and Lies” è però un brano scritto da due ragazzi che, come te, hanno partecipato al Suisa Songwriting Camp. Sei riuscita subito a “cucirti” addosso la canzone?

«Al brano hanno lavorato Janie e Jeroen sulla base di una mia idea melodica iniziale. Dal punto di vista canoro, di conseguenza, mi si addice molto. E devo dire anche a livello di versi e strofe».

Vuoi entrare nel dettaglio del testo?

«Spiega semplicemente come togliersi le maschere ed essere il più autentici possibile. E anche se non sono io l’autrice del testo, si tratta di un valore in cui credo molto…».

Chi sono i tuoi punti di riferimento musicali?

«A livello canoro sono sempre stata una fan di Céline Dion. Ultimamente, comunque, mi sto concentrando prevalentemente sulla musica classica e sulla musica da film. La mia idea è infatti di amalgamare il mondo pop e quello orchestrale...».

Visti i tuoi studi, il Suisa Songwriting Camp e la partecipazione a Eurosong, immagino tu stia lavorando anche a una produzione discografica…

«Sì, a un album. Ho già scritto diverso materiale, ma non sarà pubblicato prima del 2019: in giugno porterò a termine gli studi al conservatorio e in settembre andrò a Londra per un master in canto. Il disco arriverà volutamente dopo quest’ultima esperienza…».

Info: chiaradubey.com

 

 

 

Tags
zurigo
studi
camp
dubey
chiara dubey
songwriting
songwriting camp
suisa
suisa songwriting camp
suisa songwriting
TOP NEWS People
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report