LUGANO
06.12.17 - 07:000

Pranzi e cene delle feste: 4 trucchi per non rinunciare a nulla, senza eccedere

Non facciamoci cogliere impreparati dagli inviti e dalle abbuffate di Natale e Capodanno. Ecco qualche consiglio per evitare di eccedere, senza rinunciare alle conviviali bontà della tradizione

 

LUGANO - Sta per arrivare uno dei momenti più belli dell’anno, per i palati che amano il buon cibo e le buone tradizioni. In vista di abbondanti pranzi e cene natalizie, è però difficile che non sorga qualche preoccupazione. A chi non è capitato di esagerare a tavola durante le feste, rendendosene conto troppo tardi?

Impossibile, da parte mia - sarebbe paradossale! - condannare qualche saltuario peccato di gola.
D’altronde, si sa, il Natale va vissuto con gioia e spensieratezza, che implicano talora anche panettone, tortellini, branzino, cappone e tutte le specialità ticinesi delle feste.

Ho una buona notizia per voi: evitare di strafare non significa per forza rinunciare a condividere i piatti della tradizione insieme ai nostri cari.

Ecco qualche piccolo consiglio da tenere a mente, in occasione dei festeggiamenti che ci aspettano nelle prossime settimane, per mangiare in modo più equilibrato:

  • Concentratevi sulla qualità, non sulla quantità. Il segreto principale per godersi le feste senza eccedere è proprio regolarsi sulle porzioni. Non serve rinunciare alle portate, è sufficiente un po’ di attenzione: potrete mangiare di tutto senza sentirvi in colpa. Ricordate di mangiare lentamente e di masticare bene, aiuterete il vostro corpo a sentirsi più sazio e… gusterete meglio i piatti!
  • Non dimenticatevi di bere molta acqua. Inutile dirlo, una tavola natalizia che si rispetti richiede sempre la presenza di un buon vino: accompagnare il vostro calice con un bicchier d’acqua potrà aiutarvi a combattere la disidratazione che provocano le bevande alcoliche.
    L’acqua, inoltre, permetterà al vostro corpo di smaltire molto più facilmente grassi e zuccheri.
  • Evitate il pane e i grissini tra una portata e l’altra. Spiegare le ragioni di questo consiglio è quasi superfluo, tuttavia può capitare, tra una chiacchierata con lo zio e una con la nonna, di riempirsi molto con questi alimenti d’accompagnamento. Queste distrazioni rischiano di saziarvi molto prima di concludere il vostro pranzo o la vostra cena di festa.
  • Vietato il digiuno: è un errore molto comune cercare di compensare l’abbondanza dei pranzi e delle cene natalizie saltando dei pasti. Da un punto di vista nutrizionale è sconsigliabile, in quanto arrivare affamati vi impedirà di mantenere il controllo sulle porzioni. Oltre al rischio di abbuffarsi, il digiuno incoraggia anche il rallentamento del metabolismo. Il nostro corpo infatti, se affamato, si prepara automaticamente a difendersi da un’eventuale carestia. La stessa regola vale anche per i pasti che seguono pranzi e cenoni: meglio evitare di saltarli e attenersi a qualche piatto semplice e leggero.

Su questo possiamo concordare tutti: il periodo delle feste è decisamente impegnativo. Non solo per la nostra digestione, ma anche per chi ha piacere di ospitare amici e parenti in casa.
Cucinare per tutti stanca!

Magari sarete sopravvissuti al pranzo di Natale e dovrete già pensare al cenone di Capodanno (cose che potreste anche fare al Ciani, rispettivamente con un brunch e un party danzante). La tentazione di rompere il divieto di saltare i pasti potrebbe essere ancora più forte: potrete difendervi, durante tutte le feste, con Perfeat, ordinando un menù a dipendenza delle vostre esigenze e preferenze alimentari, per poi farvelo recapitare presso uno dei punti di ritiro
convenzionati.

Ormai siete pronti ad affrontare le feste senza rinunce e con equilibrio. Non avete di che preoccuparvi, il meglio deve ancora venire.

Questa rubrica è sponsorizzata dal Ciani Ristorante Lugano.

Articolo di S. Santese e G. Biondo, del Ristorante Ciani Lugano.

ULTIME NEWS Ristor&Azione
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report