GAMES
02.03.16 - 10:350

Heavy Rain e Beyond in Hd: visioni interattive

I due capolavori di David Cage ritornano su PS4 in una collection budget veramente splendida.

 

Avevate un Xbox 360 e siete passati alla Playstation 4 senza pensarci due volte? Non preoccupatevi, siete in buona compagnia. E vi farebbe piacere rigiocare a tutte quelle belle esclusive per PS3 che ai tempi vi facevano venire l'acquolina in bocca, magari rimasterizzate ad alta definizione? Tranquilli, ce n'è per tutti i gusti: da “God of War 3” passando per la saga di “Uncharted” fino, recentemente, ai capolavori della francese Quantic Dream.

Fra cinema e games - Stiamo parlando di giochi cone “Heavy Rain” e “Beyond: Two Souls”, che hanno diviso critica e pubblico per la loro direzione artistica e filosofia di approccio al videogioco. Come il loro predecessore “Fahrenheit” - ve lo ricordate? parliamo di Playstation 2 - condividono una natura volutamente provocatoria fra film e game. Degli ibridi che prendono pezzi da entrambe queste forme espressive coniugandole con una dovizia tutta particolare: attenzione maniacale per le piccole cose, ricerca del bello nelle azioni più semplici, nella varietà delle scelte e nello spessore psicologico (quello vero) dei personaggi.

Giochi d'autore - David Cage, mente dietro a tutto il creato di Quantic Dream, è da considerarsi uno dei più importanti (e uno degli ultimi, ahimé) autori videoludici con una chiara visione estetica e interattiva. Perfezione? Per alcuni sì, per altri meno. La critica mossa spesso e volentieri ai suoi titoli è che, malgrado le buone intenzioni, spesso tutto finisce per incagliarsi in meccaniche di gioco poco stimolanti e anche, semplicemente, riduttive. Insomma, bene le idee, però poi bisogna metterci anche il game design. Questione di punti di vista, ovviamente. La collection a prezzo budget che unisce gli ultimi due figlioli della software house parigina (ovvero i sopracitati “Heavy Rain” e “Beyond: Two Souls”) è senz'altro un buon punto di partenza, per capire il pensiero-Cage e anche i suoi temi-cardine preferiti come il soprannaturale, la predestinazione e il rapporto con la morte (e la vita). 

Una riedizione che brilla di luce propria - Già splendidi a vedersi per la "vecchia" PS3, grazie alla potenza di calcolo della Playstation 4 appaiono ancora più meravigliosi. Per trama, meccaniche e quant'altro invece i due titoli restano praticamente identici agli originali (a parte per una modalità di gioco in più per “Beyond”), il che può essere un bene o anche un male. Consigliato a chi non ci ha mai giocato oppure a chi li ha amati alla follia. Restano comunque un buon affare e un'ottima riedizione di due pietre miliari.

VOTO: 8/10

ULTIME NOTIZIE Games
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report