LA RAZZA
03.11.17 - 16:000

Il Beagle

Grandi occhi e tanta voglia di giocare, ma attenti a dargliela vinta troppo spesso

 

Occhioni dolci, un musetto irresistibile ed una irrefrenabile voglia di giocare. Queste le caratteristiche del Beagle, razza oramai piuttosto celebre, che ha visto il suo ruolo evolversi progressivamente nel corso dei secoli. Il Beagle diventa famoso tra il 1500 e il 1600, specialmente in Inghilterra (ma i francesi rivendicano la creazione della razza), come cane da caccia alla lepre: si tratta infatti del più piccolo degli hound da muta.

Grazie alle dimensioni e all’indole giocherellona, s’è poi trasformato da cane da fiuto in animale da compagnia, specialmente nelle famiglie con bambini. Si tratta, infatti, di un cane molto amichevole, vivace, capace anche di trascorrere un’intera giornata a correre e sfrenarsi in compagnia di grandi e piccini: ecco, l’unica vera controindicazione del Beagle riguarda il tempo da dedicargli. Si tratta, infatti, di un cane che ama le lunghe passeggiate e i giochi con il proprio padrone: se non riceve abbastanza attenzioni rischia di isolarsi e anche di vendicarsi con dei piccoli dispetti.

È inoltre molto testardo, difetto che è in realtà una qualità per i cani da caccia: non dargliela vinta da cucciolo è fondamentale per poterlo “governare” da adulto. Il Beagle, infine, è un cane piuttosto sano e robusto, in grado di poter vivere all’aria aperta come in casa.  

 

ULTIME NOTIZIE Amico Animale
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report